Cromatologia 2 / TACCONI TIZIANA

Disciplina:

Cromatologia 2

AA:

2014

E-mail:

tizianatacconi@ababrera.it

Programma del corso:
“Il colore, prima di essere una qualità dell’oggetto, si annuncia all’esperienza, come un atteggiamento del corpo e in virtù di cui esso si costituisce in quanto rosso, blu, verde…” MERLEAU-PONTY
 
Il colore è un’esperienza del corpo, dell’anima e del mondo.
L’esperienza del colore, intesa come “vissuto” è il luogo in cui si manifestano fenomeni, “ciò che appare” (dal greco phainomenon, phainomai, “io appaio”).
La capacità di comprendere il senso degli eventi, che si mostrano alla coscienza senza alcuna mediazione, accoglie la defi nizione di “visione” come possesso di una qualità dell’immaginazione.
Husserl afferma che “ogni visione originalmente offerente è una sorgente di conoscenza”.
Questa “visione originalmente offerente” è il contenuto, ovvero il fenomeno come dato immediato dell’esperienza creativa.
La conoscenza che si instaura tra il corpo ed il ‘colorato’ è la possibilità di rendere visibile “lo spazio immaginale”.
Da un punto di vista fenomenologico, i sentimenti hanno la forma, il colore e l’odore del corpo che li contiene e che a suo modo li mostra.
Parlare della fenomenologia e psicologia del colore significa confrontare la concezione filosofi ca e il principio di esperienza.
Tale principio ha i suoi fondamenti culturali nel mondo dell’arte
 
Laboratorio del colore
Quando “vedo, penso e faccio”, colgo nel suo apparire , la mia coscienza.
Il colore può essere colto come una sequenza continua, un’affettività che si rende visibile e comunica attraverso l’immagine.
Nel Laboratorio del colore avremo modo di puntare l’attenzione soprattutto sulla nozione di “vissuto” come un puro aggregato sommativo di sensazioni tattili, cromatiche, visive in genere, gustative ed olfattive.
Il colore in quanto forza espressiva, materia corporea, annuncia la presenza, di un’unicità incarnata.
Colore come traccia di un corpo vibrante, di una pelle tesa, del sangue che scorre, del vuoto interno che agisce.
L’esperienza del colore procede nella direzione dell’altro.
Il colore è la presenza in noi dell’altro, è il contatto con l’essere.
Considerando il lato psicologico, la conoscenza delle emozioni sarà il risultato della somma delle stimolazioni provocate dalla forza espressiva del colore.
Bibliografia:
Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:
Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
0
 
Curriculum professionale:
Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici