Premio Morlotti-Imbersago - 16ª Edizione 2018

Data evento: 
Lunedì, 31 Dicembre, 2018 - 23:30

 

16ª Edizione 2018
ALTRI PAESAGGI
La giovane pittura
e l’ambiente naturale contemporaneo

Nell’accentuare la propria diversità da altre iniziative premiali a carattere generalista rivolte alla nostra giovane arte contemporanea, il Premio Morlotti-Imbersago, destinato a giovani e giovanissimi pittori under ‘35, a partire da questa edizione concentra la propria identità su un “soggetto” antico e insieme contemporaneo come quello del paesaggio e dell’ambiente naturale e umano, intesi nel senso di richiamo forte ai temi dell’ecologia e della difesa ambientale, temi da cui oggi dipende la sopravvivenza stessa del genere umano e del nostro pianeta. L’intenzione è difatti promuovere in modo significativo il rispetto e l’amore per il territorio, per l’ambiente e per la natura, incoraggiando giovani e giovanissimi pittori di talento a riflettere su questi temi con il loro lavoro e a interpretarli con spirito di autonomia e di ricerca non effimera, alla luce delle possibilità linguistiche attuali.
Tenendo conto inoltre che paesaggio vuol dire anche paesaggio “interiore” – spazio di relazioni tra la persona e il mondo, nelle sue innumerevoli declinazioni di fantasticazione lirica e di riflessione etica – si intende indagare le diverse sensibilità ambientaliste e i vari repertori espressivi con spirito contemporaneo privo di retorica.
Per segnalare nuove e giovani proposte pittoriche su questi temi, anche l’edizione di quest’anno insiste nel voler esercitare un ruolo di “scandaglio”, con una formula organizzativa pensata per sondare in profondità una fascia di artisti ancora poco o per nulla conosciuti che non abbiano superato i trentacinque anni entro il 31 dicembre 2018, tra quelli che ancora avvertono in modo non generalista la piena vitalità culturale della pittura contemporanea, giungendo così a rivelare ricerche e situazioni modernamente figurative e realmente inedite, fresche, incontaminate.
E dunque, sempre in questo spirito, l’iniziativa si completa con l’invito rivolto a un maestro vivente, cui si allestisce una significativa mostra personale e si attribuisce un Premio alla carriera, come accostamento alle suddette nuove proposte, nell’intento di segnarne la continuità culturale in un confronto stimolante a livello estetico e umano.